Valutazione Campi Elettromagnetici (CEM)

I campi elettromagnetici sono costituiti dalla combinazione del campo elettrico e del campo magnetico, e si propagano nell’aria sotto forma di onde elettromagnetiche. Presenti ovunque nel nostro ambiente, sono invisibili all’occhio umano e sono attribuibili al naturale fondo terrestre o ad eventi naturali (quale ad esempio può essere il campo elettrico generato da un fulmine).

Oltre alle sorgenti naturali, lo spettro elettromagnetico include anche i campi generati dalle sorgenti create dall’uomo, come ad esempio: antenne radio-televisive e di telefonia mobile, riscaldatori industriali ad induzione, termo-incollatrici a radiofrequenza, forni a microonde, piani cottura a induzione, radarterapia, elettrodotti e cabine elettriche, barriere antitaccheggio di centri commerciali, saldatrici, puntatrici, ecc.

Contesto normativo

La Direttiva 2013/35/UE del 26 giugno 2013, che ha abrogato la precedente Direttiva 2004/40/CE, indica le prescrizioni minime di sicurezza e di salute relative all’esposizione dei lavoratori ai rischi derivanti dagli agenti fisici (campi elettromagnetici) con particolare riferimento alle radiazioni elettromagnetiche di frequenza da 0 Hz a 300 GHz.

La Direttiva Europea 2013/35/UE è stata recepita in Italia con il D.Lgs. 159 del 1 agosto 2016 e quindi deve essere utilizzata come riferimento per l’identificazione di valori di azione per l’esposizione dei lavoratori a campi elettromagnetici.

La legge italiana sopra citata è stata, di fatto, incorporata nel D.Lgs. 81/2008 al Titolo VIII (Agenti Fisici) – Capo IV (Protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione a campi elettromagnetici)

Pertanto, il datore di lavoro è tenuto ad effettuare una valutazione del rischio per la salute e sicurezza dei propri lavoratori esposti a campi elettromagnetici secondo i criteri e i limiti individuati dal D. Lgs. 81/08.

I rischi per la salute

Solo recentemente si è cominciato a studiare i possibili effetti nocivi dei campi elettromagnetici per salute umana, distinguendo effetti di natura acuta (quando si manifestano in breve periodo) e cronici (quando possono manifestarsi, anche dopo lunghi periodi, come conseguenza di esposizioni a bassi livelli per periodi prolungati).

Per gli effetti a lungo termine non si hanno ancora delle risposte certe, mentre per gli effetti di natura acuta è stato accertato che si verificano solo al di sopra di determinati livelli (soglie) di esposizione. Tra gli effetti di natura acuta si segnalano: opacizzazione del cristallino, anomalie alla cornea, alterazioni delle funzioni neurali e neuromuscolari; mentre per esposizioni a basse frequenze (50 Hz) sono segnalati: effetti sul sistema visivo e sul sistema nervoso centrale, extrasistole e fibrillazione ventricolare.

Come opera ECO

ECO Certificazioni attraverso tecnici qualificati e specialisti del settore, eroga il servizio di valutazione del rischio di esposizione da Campi Elettromagnetici da effettuare presso la sede del cliente.

VUOI MAGGIORI INFORMAZIONI?

Contattaci

Contatta la sede legale di Eco Certificazioni, compila il form ed inviaci la tua richiesta.